inibitori jak

L’alopecia areata è un tipo di alopecia che soffrono molti uomini e donne e che può portare alla perdita totale di capelli e persino alle sopracciglia. Nuove opzioni terapeutiche per questo tipo di alopecia hanno portato alla sperimentazione di farmaci precedentemente utilizzati per il trattamento di altre malattie, apparentemente non correlate all’alopecia.

Come parte di uno studio condotto presso la Stanford University, Yale e Columbia, Thomas e 65 altri pazienti con alopecia areata Xeljanz preso il farmaco, che è prescritto per le persone con artrite reumatoide, un’altra malattia autoimmune.

Più della metà dei soggetti in questo studio ha avuto una crescita dei capelli dove prima era assente. Una terza parte ha recuperato più del 50% dei loro capelli. In uno studio separato, nove su 12 pazienti hanno recuperato più del 50% dei capelli con un farmaco simile, il Jakafi, approvato per il trattamento del cancro.

È interessante notare che la crescita dei capelli in questi pazienti ha provocato un modello maschile di calvizie in base alla loro età, e non hanno recuperato i capelli come era prima che cadesse a causa dell’alopecia areata. Questo porta a sospettare che i follicoli che sono stati programmati per essere miniaturizzato in questi pazienti sono morti durante l’alopecia areata, e solo i follicoli che non sono stati rischiavano di cadere a causa di androgeni 5α-diidrotestosterone è sopravvissuto, ma non ha prodotto fibra capillare, e riacquistato la loro funzione dall’effetto degli inibitori JAK.

Pfizer ha annunciato studi clinici di farmaci inibitori JAK
Il gigante farmaceutico Pfizer, investendo nel potenziale utilizzo di nuove opzioni terapeutiche per l’alopecia areata, ha annunciato che avrebbe cercato i partecipanti a questo studio in Australia, Canada e Stati Uniti. Pfizer condurrà uno studio randomizzato in doppio cieco con un inibitore JAK3 chiamato PF-06651600 e un inibitore TYK2 / JAK1 PF-06700841.

Ciò che è sconosciuto in questa fase è la composizione dei 2 farmaci che verranno utilizzati nella sperimentazione. La società produce già un noto inibitore della JAK: Xeljanz (citrato di tofacitinib), che è stato sviluppato per le persone con artrite reumatoide.

Al momento, tuttavia, nessun inibitore della JAK è stato autorizzato dalla MHRA nel Regno Unito o approvato dalla FDA negli Stati Uniti. per l’uso in qualsiasi forma di perdita di capelli causata da disturbi autoimmuni. Ci sono dubbi sulla sicurezza di questi forti farmaci a lungo termine.

Disponibilità di inibitori JAK nel mercato
Nell’aprile 2017 sono stati concessi brevetti negli Stati Uniti per gli inibitori JAK baricitinib e dedecernotinib, aprendo possibilità di trattamento per le forme più severe di alopecia areata. I brevetti sono stati concessi ai consulenti della Columbia University School of Medicine di New York, dove la dott.ssa Angela Christiano dirige un gruppo di ricerca. La società Aclaris Therapeutics, che ha un accordo con la Columbia, sarebbe incaricata di immettere sul mercato nuovi medicinali. È stata suggerita la data di lancio di 2020/2021.

Altre prove della ditta Novopyxis sono state annunciate per studiare nuovi metodi di somministrazione del farmaco per il trattamento dell’alopecia areata. Mentre inibitori JAK come potenziali farmaci per trattare la perdita di capelli autoimmune sono stati indagati, sia in compresse orali e crema topica, altri metodi come una soluzione spray giornaliero può essere un modo efficace per utilizzare alopecia areata farmaco.

Sfortunatamente, la rivista JAMA Dermatology ha suggerito che Xeljanz potrebbe non essere efficace per tutti i casi di alopecia areata e condizioni correlate, almeno nella sua forma attuale. Dopo aver esaminato il record di persone con alopecia areata, alopecia universalis o alopecia totalis (che porta alla perdita totale di capelli sulla testa, ma non il corpo) che aveva usato la droga, ha rilevato che la crescita in un periodo di nove mesi Ha variato dal 2% al 90%.

Anche se ci vogliono molti anni per sviluppare e testare nuovi farmaci al punto che sono sicuri per il pubblico, secondo le linee guida della FDA e di altre agenzie di regolamentazione, queste nuove possibilità sono senza dubbio eccitanti. Ciò è particolarmente vero per le persone con i tipi più estremi di alopecia areata che, fino ad ora, non hanno avuto opzioni di trattamento affidabili.

Lascia un commento